Template Joomla scaricato da Joomlashow

vacanze ad altomonte

Nell'XI secolo, Altomonte (Cosenza), era conosciuta con il toponimo arabo di Brahalla, mentre il nome attuale fu imposto nel 1343 dalla regina Giovanna.
Nella parte alta del paese, che conserva l'impianto medievale e antiche case con portali in pietra, la chiesa di S. Maria della Consolazione è uno tra i più interessanti esempi di architettura angioina in Calabria; nel 1443 passò ai Domenicani, che le unirono un monastero. La facciata ha mantenuto le linee originarie, anche se è stato rifatto il bel rosone a 16 colonnine. All'interno, rimaneggiato in epoca barocca, merita attenzione il sepolcro di Filippo Sanginelo, compiuto tra il 1352 e il 1377.
Tra le preziose opere d’arte raccolte nell'ex convento dei Domenicani, oggi sede del Museo civico, spicca una piccola tavola su fondo oro rappresentante S. Ladislao d’Ungheria.
Degne di nota anche due piccole tavole databili intorno al 1328, forse provenienti da un polittico di Bernardo Daddi, e liti dipinto con storie della Passione del primo '400.
Le antiche Tradizioni, la lingua e i costumi tipici della comunità albanese, arrivata nella seconda metà del XV secolo, sono accuratamente tramandati nella vicina lungro: prova ne sia che la maggiore emergenza del borgo è la Cattedrale di S. Nicola di Mira, di rito greco-ortodosso.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altomonte: Hotel & Alberghi


Europa****

E' situato a 2 km dal centro della citta'. C'e' un servizio pubblico di autobus che effettua corse direttamente per il centro della citta' e per la stazione ferroviaria. Le camere sono di dimensioni da medie a grandi e decorate in uno stile tradizionale semplice ma funzionale. Il ristorante e' grand .....
A partire da 62.00 Euro a persona.
Hotel stelle.




Altomonte: immagini

ALTOMONTE - DUOMO REPORTAGE CITTA' MEDIOEVALE DI ALTOMONTE PROVINCIA DI COSENZA ALTOMONTE ha origini molto antiche; già lo scrittore romano PLINIO IL VECCHIO (23-79 dC) nella sua 'Historia Naturalis' ne ricorda, con il nome di BALBIA, lo squisito vino Balbino, a cui fanno riferimento anche IPPIA REGGINO ed ATENEO. L'